Mauritius trasferisce le sue operazioni in blockchain

Adolfini Asmani Blockchain

Una società di blockchain di Sud Corea ha concluso un accordo che fornirà soluzioni fintech al governo di Mauritius.

La nazione dell’Africa orientale vuole modernizzare le sue operazioni e ha incaricato un’impresa statale, la State Informatics Limited (SIL), di digitalizzare le sue operazioni governative e di servizi finanziari, nonché le istituzioni educative, le operazioni portuali e i trasporti del paese.

SIL pianifica di applicare la tecnologia blockchain e ha cercato assistenza da Locus Chain Foundation, una società di proprietà sudcoreana fondata da un ex professionista del gioco. La compagnia, come dozzine di altre criptovalute e blockchain sudcoreane, ha sede a Singapore. Lo stato delle città del sud-est asiatico, a differenza della Corea del Sud, consente le prime offerte di monete (ICO) e ha attirato tanti “rifugiati ICO” sudcoreani.

La SIL probabilmente cercerà di estendere la portata della sua piattaforma blockchain: la società ha già implementato soluzioni digitalizzate per enti governativi in ​​tanti paesi africani come Senegal, Zambia, Zimbabwe, Ghana, Kenya e Botswana.

Locus Chain è attiva a Mauritius proprio dall’inizio di quest’anno. Il mese scorso, la società ha firmato un accordo di cooperazione tecnologica con il governo di Mauritius, consentendo l’applicazione di ciò che Locus Chain definisce una piattaforma blockchain di “quarta generazione”, in grado di condurre transazioni end-to-end in meno di due secondi, indipendentemente dal velocità della banda larga.

La notizia arriva meno di un mese dopo che Locus Chain ha annunciato di aver raggiunto un accordo con la Tunisia Economic City (TEC), un progetto congiunto tra Arabia Saudita e Tunisia da 50 miliardi di dollari che comporterà quello che gli sviluppatori sostengono sarà “la più grande città intelligente” nella regione del Mediterraneo “- coprendo una superficie totale di 90 chilometri quadrati.

Locus Chain afferma che la sua piattaforma di blockchain verrà utilizzata durante il processo di costruzione della città e che i suoi prodotti saranno “utilizzati come tecnologia di base e valuta di insediamento per vari settori come finanza, comunicazione, medicina, shopping, veicoli automatici e AI”.

Fonte dell’ articolo: Cryptonews

Fonte immagine: CMInews

Share the Story

Adolfini Asmani frontent and mobile developer.
Back to Top
Share this
Share this
Translate »